MIRACOLO A NOTRE DAME

  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame
  • Miracolo a Notre dame

“Perchè un uomo odia, perché un mostro ama” …  Grande quesito che si perde nella notte dei tempi e a cui ancora non si è riusciti a dare una risposta. Ma riflettendo e ragionando il regista Antonello Ronga ha avuto occasione di analizzare come l’essere umano, in condizioni di solitudine, è portato a reagire con l’odio o con l’amore. Ed è questo il sottile fil rouge che unisce tutti i personaggi della messa in scena: tratta dal romanzo di Victor Hugo, tutti i personaggi, il loro modo di reagire all’essere reietti, abbandonati, dimenticati, profondamente soli.

Una commovente favola quella raccontata dalla Compagnia dell’Arte, una favola capace di emozionare grandi e piccini raccontando un “miracolo”d’amore: quello che nasce dall’unione di ciò che solo apparentemente era inconciliabile, lontano per forma, lingua, provenienza sociale … Perchè per quanto possa essere diverso il colore della nostra pelle, sarà sempre lo stesso unico sole a scaldarcela…